Company Logo

Think In

thinkin-cart2

Intervento Presentazione Pubblicazione Atti V Festival DSc Frosinone 29-20.01.2016

Innanzitutto desidero ringraziare il Presidente Giancarlo Abete ed il Segretario Generale Giovanni Scanagatta per l’altissimo onore che ci è stato concesso ospitando sulla UCID letter la sintesi dei lavori del V Festival della Dottrina Sociale della Chiesa che si è svolto a Frosinone il 29 e 30 gennaio 2016,sotto l’egida del Vescovo della Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino,S.E. Mons. Ambrogio Spreafico .

 

Il Comitato S.A.LE ( Sviluppo Associazionismo Laicale), si è costituito formalmente nel 2011 per iniziativa di diversi rappresentanti di associazioni del territorio legate dal comune riferimento statutario ai valori della DSC,con il precipuo scopo di diffondere gli insegnamenti della Dottrina Sociale della Chiesa,e,in tale ambito,curare l’organizzazione e la promozione del Festival,forti della convinzione che il miglioramento continuo delle condizioni di vita degli uomini,sia materiali che immateriali,dipende da noi e dal nostro modo di vivere e di essere,e che la società visibile, per cambiare ,abbisogna della trasformazione della società invisibile e, dunque, della vita interiore.

 

Il Comitato crede nell’efficacia dell’azione educativa per allargare gli orizzonti dei cuori, delle anime e delle intelligenze degli uomini e, al contempo,nella necessità di intervenire in prima persona,con il metodo della condivisione e dell’unità,per contrastare e sconfiggere situazioni di ingiustizia e di soprusi apparenti,sotterranei e striscianti che calpestano la dignità dell’uomo, per vivere una autentica comunione e coltivare la fioritura delle virtù umane.     

 

La quinta edizione del Festival è stata dedicata al tema della Misericordia declinata nella specie del rapporto tra giovani e lavoro e della integrazione partendo dalla considerazione che la logica della dialettica che ha contraddistinto gli ultimi secoli (ad esempio la contrapposizione tra liberismo e socialismo) non ha più senso ed è necessario,pertanto, ritrovare una sintesi e questa sintesi può essere offerta proprio dai principi della Dottrina Sociale della Chiesa, con l’uomo che sempre più deve avere i piedi ben piantati a terra, ma lo sguardo rivolto al cielo.

 

Gli argomenti prescelti – ovvero il lavoro e l’integrazione – sono di particolare attualità. Nel nostro territorio, ci sono dei bei segnali di integrazione, ma sono molto importanti la conoscenza reciproca e il dialogo per sconfiggere i pregiudizi,e, decisamente, il lavoro è un grande problema non solo per i giovani, ma anche per gli ultracinquantenni, che, sempre più spesso, devono fronteggiare l’esperienza della perdita dell’occupazione. E’ una situazione drammatica, che chiede scelte concrete, capacità di visione e di programmazione. La politica deve pensare non solo all’oggi o al domani; deve, piuttosto, pensare ad un vero futuro, ad una prospettiva di lungo periodo, E’ necessario un programma che abbia una visione, che riesca a valorizzare energie e risorse e a creare sinergie, anche modificando il modo di vivere e di pensare, così da poter dare delle possibilità nuove,non essendo il modello di società e di consumi a cui siamo abituati più sostenibile.

 

In questa prospettiva,può essere utile tornare all’etimologia della parola comunità, che rimanda al concetto del munus, del dono, dello scambio reciproco.

 

Proprio questi aspetti, uniti ad una riscoperta della gratuità, potrebbero essere la soluzione alla crisi attuale, avendo sempre presente che la Misericordia, tema del Giubileo straordinario indetto da Papa Francesco, deve essere sempre collocato in una sorta di trilogia che, accanto alla Misericordia, pone la Verità e la Giustizia.

 

                                                                                                  

 

 

Aderenti al Comitato

Locandina CSC




Copyright by Comitato Sale. Powered by GraficaZeta®.

Per offrirti la migliore esperienza di navigazione www.comitatosale.it utilizza i cookies.